17 maggio 2016

Cena una volta a Roma.

Sono una patita di questi eventi. Lo sapete. Come lo scorso anno, la Cena in bianco a Torino, quest'anno voglio parlarvi di un evento simile, ma più vicino a noi che viviamo nel Lazio. Di cosa si tratta? Di Cena una volta.


Cena una volta è l'evento romano che torna ogni anno per salutare l'arrivo dell'estate. Una cena all'aperto , "... un momento di convivialità aperto a tutti, dove la regola fondamentale è il bianco dal dress-code alla tavola, dai piatti alle decorazioni".


Di bianco vestiti, dunque, armiamoci di sedie, tavoli, tovaglie e stoviglie rigorosamente bianchi! E non dimentichiamo di decorare la nostra tavola. Fiori, candele, palloncini o qualunque altra cosa ci venga in mente: spazio alla creatività!

ph Andrea Veroni - Tutti i diritti riservati
Trovate il regolamento, nel dettaglio, sul sito cenaunavolta.com ( clicca QUI ) e per non perdere tutte le informazioni riguardanti data, orario e luogo dell'evento basterà compilare il form "iscriviti" per ricevere tutti gli aggiornamenti.


Io l'ho già fatto! Voi cosa aspettate? ;)
Buon martedì!



Cena una volta



11 maggio 2016

Ispirazioni Industrial Style per lo Store.

Ultimamente, nelle rare pause che mi concedo dal lavoro, mi sorprendo a curiosare online alla ricerca di ispirazioni per l'arredo del mio Store. Ho già ben definito nella mente lo stile, la palette dei colori, la disposizione interna e l'arredo per il mio angolo di lavoro, ma navigare su internet è uno dei miei "sport" preferiti. Una tentazione irresistibile. Ho creato una cartella sul pc che sta praticamente per esplodere: negozi, locali, bistrot sparsi in tutto in mondo che lasciano letteralmente a bocca aperta... Oggi voglio condividere qui con voi alcune immagini scovate sul bellissimo blog di Paulina Arcklin,  blog di lifestyle e fotografia.




Ok, chiudete la bocca! ;) Lo so, lo so, ha fatto lo stesso effetto anche a me... Meraviglia pura. Il nero dei pavimenti, il grigio delle pareti spezzato da un bel bianco luminoso sul soffitto e poi legno, metallo e broc. Vogliamo parlare delle luci? Uhm... Quanta bellezza, quanta meravigliosa bellezza in queste immagini.



ph PAULINA ARCKLIN - Tutti i diritti riservati
Non so voi, ma io oggi ne avevo un gran bisogno. Fuori piove, la casa è avvolta da un silenzio surreale ed i pensieri, le idee corrono. Queste immagini ispirano e fanno sognare. Sì, ne avevo proprio un gran bisogno.


Buon mercoledì ed anche se fuori piove, noi il sole l'abbiamo dentro! ;)




4 maggio 2016

Esercizi di fotografia

Ciao ragazze,
torno a pubblicare dopo qualche settimana di assenza. Non voglio ripetermi dicendo che è un periodo per me incredibilmente impegnato ed impegnativo, tanto voi lo sapete già! ;) Anche sui social non riesco ad essere presente come vorrei, ma spero di rifarmi al più presto.

Oggi scrivo per mostrarvi alcuni esserci di fotografia che ho fatto e che sto facendo. In ogni cosa che si fa c'è una specie di evoluzione, di cambiamento. Pian piano cerchiamo sempre più di trovare il nostro stile, quello che maggiormente ci può rappresentare. Magari si parte da un'ispirazione online e poi si personalizza sempre più. Così almeno è per me.

Ricordo di averne già parlato. Di cosa? Di cibo ed immagini ovviamente. Ammiro gli scatti di alcune food blogger. Ammiro il loro lavoro e le foto che pubblicano. Mi incantano. Per ora ho cercato soltanto di immedesimarmi utilizzando oggetti che solitamente si usano in cucina. Ho giocato con la luce ed i tempi di scatto. Lo so, ho ancora molto da imparare, ma non mi voglio lamentare troppo. Piano piano, testarda come sono, riuscirò a migliorare. Forse...




ph VIVRE SHABBY CHIC - Tutti i diritti riservati
Voi, intanto, se avete consigli ( o se notate errori in queste mie immagini ), scrivetemi eh!? - vivreshabbychic@libero.it - ...E ve ne sarò grata per sempre. ;)

A presto! 






19 aprile 2016

Rivestimento in pietra "Fai Da Te".

Ciao ragazze,
oggi, come promesso, voglio parlarvi del rivestimento in pietra che io e Davide abbiamo realizzato sulle pareti esterne della neonata zona del laboratorio. L'idea di realizzare questo tipo di rivestimento nasce insieme all'idea dello store; fin dal principio avevo ben chiaro in mente che una parte dell'edificio non sarebbe stata semplicemente intonacata e pitturata.


La prima cosa da dire è che non è un lavoro semplice, anzi è un lavoro stancante, faticoso e di grande pazienza. Però ne vale la pena, fidatevi. Pronte? Iniziamo...

Per attaccare la pietra, avrete b
isogno di:

- Cemento
- Malta
- Colla
- Acqua

Per stuccare la pietra, avrete bisogno di:

- Malta
- Acqua

Noi abbiamo utilizzato la pietra "viva", cioè quella di cava priva di trattamenti. Questo tipo di pietra non è semplice da attaccare ad una parete, proprio perché non ha una parte piana e liscia ( come ad esempio la scorza di pietra ). Quindi bisogna essere cauti nello scegliere ogni singolo pezzo quando andiamo a posizionarla e soprattutto, nelle zone alte della parete, dobbiamo stare attente perché se l'impasto non è ben fatto rischiamo di farla staccare ( ...attenti alla Testa! ;)



Dopo aver terminato di attaccare le pietre, si inizierà a stuccare. Gli esperti del settore dicono ( ed io lo posso confermarlo ora che ne ho esperienza ) che una stuccatura perfetta elimina ogni imperfezione ed è ciò che rende bello un lavoro sia per la mattonatura di un pavimento, in riferimento alla fuga, o che si tratti per l'appunto di un rivestimento in pietra di una parete. Ed è vero, assolutamente vero. Anche in questa fase: pazienza sarà la parola d'ordine. Tanta, tanta pazienza.


Cos'altro aggiungere? Ah, utilizzate dei guanti resistenti per lavorare e stuccare altrimenti finirete per rovinarvi lo smalto! Ehehe...

Buon lavoro e, se avete dubbi o domande, scrivetemi pure una email a vivreshabbychic@libero.it . Sarò felice di rispondervi!

ph VIVRE SHABBY CHIC - Tutti i diritti riservati
Al prossimo post!



P.S. Per vedere il lavoro finito, vi aspetto all'inaugurazione dello Store ovviamente! ;)










12 aprile 2016

Impianto di irrigazione sospeso per il giardino.

Buongiorno ragazze,
la primavera è finalmente arrivata ed i lavori in giardino si fanno assolutamente necessari. Vi ho già parlato del mio giardino ( o meglio del giardino attorno allo store ) ed oggi voglio mostrarvi gli ultimi lavori fatti. Pensando ad un anno fa - quando i lavori sono iniziati - credevo fosse più semplice e veloce portare a termine il tutto, ma ovviamente non è stato così. Dopo un anno, mi guardo indietro e penso che sì, abbiamo fatto tanto, anzi tantissimo e non è stato facile far fronte ad ogni cosa, prendere le giuste decisioni, valutare bene ogni situazione prima di scegliere per il meglio. Ma questo è stato solo l'inizio. L'inizio sì. Perché diciamocelo, quando si considera l'idea di mettersi in proprio le decisioni da prendere saranno sempre tante e sempre più difficili. Quando si decide di lavorare per se stessi, le giornate lavorative non durano mai otto ore, ma capita spesso che si resta svegli di notte ad ultimare un lavoro da consegnare. Sì, non è sicuramente la scelta più semplice che una persona possa fare. Di sicuro, però, è la più emozionante. Quando si raggiungono obiettivi che solo qualche anno fa si credevano impossibili, bè... La soddisfazione è grande. Quando si porta a termine un progetto lungo e faticoso, sì... La soddisfazione è grande e ripaga ogni fatica.

Come tante di voi, anche io, amo la lavanda; ho dedicato molti post a queste bellissima e profumatissima pianta ( vi lascio in basso l'elenco ). E così quando ho dovuto scegliere una pianta adatta a delimitare la zona del vialetto separata dal giardino non ho avuto alcun dubbio. Ho iniziato due anni fa a creare talee di lavanda ( come fare? ne parlo in questo post ) e sono stata davvero fortunata perché sono riuscita a mantenere in vita ogni piccola piantina ricreata. Il viale è abbastanza lungo. Ho fatto rapidamente un calcolo e ho capito che dovevo riprodurre un centinaio di piante. E così è stato. Ben 50 piante sul lato destro ed altrettante sul sinistro.


Naturalmente innaffiare tutti i giorni una quantità di piante così elevata per me era assolutamente impossibile. Il mio terreno è argilloso, ha però una buona capacità a trattenere l'umidità. Quindi una volta che le piante si saranno adattate alla nuova "dimora" non sarà necessario innaffiare costantemente. Insomma il problema era solo iniziale. E così ci siamo ingegnati.


Abbiamo realizzato un impianto di irrigazione a goccia sospeso. La priorità era realizzare un impianto rimovibile proprio per quel che ho detto prima sulle proprietà del terreno. Perchè sospeso? Perché così mi sarebbe stato semplice rasare l'erba fra le piantine senza rischiare di tagliare il tubo con il tagliaerba. Quando si hanno tante cose da fare è ovvio che si cerca di ottimizzare i tempi! Ed ovviamente si cercano soluzioni veloci. Se volete cimentarvi anche voi, vi lascio in basso tutte le indicazioni per realizzare un impianto di irrigazione da soli ( che sia sospeso o no, dipende dalla vostre esigenze ).

Per realizzare l'impianto abbiamo utilizzato:

- Tubo per irrigazione, diametro 16cm ( lo trovate anche in qualsiasi negozio di bricolage )
- Paletti in legno da recinzione, diametro 8cm, altezza 2m
- Gocciolatori regolabili ( reperibili anche in qualsiasi negozio di bricolage )
- Filo di ferro
- Nastro plastificato ( è perfetto quello da elettricisti, solitamente è di colore nero )

Dopo aver messo a dimora le nuove piantine di lavanda, la prima cosa che abbiamo fatto è stato tagliare i paletti da recinzione in quattro pezzi, ognuno da 50cm. Li abbiamo posizionati lungo il viale, sul lato destro, e li abbiamo inseriti nel terreno. Successivamente sono stati collegati passando del filo di ferro da un palo all'altro. Il passo successivo è stato fissare il tubo al filo di ferro con del nastro plastificato in modo che restasse ben teso. Il lavoro più faticoso era fatto. L'ultima cosa era fissare al tubo per irrigazione i gocciolatori; all'altezza di ogni pianta di lavanda, abbiamo inserito le bocchette per la fuoriuscita dell'acqua. I gocciolatori che ho acquistato sono regolabili così potrò addirittura scegliere la quantità di acqua da far uscire.

ph VIVRE SHABBY CHIC - Tutti i diritti riservati

Ho naturalmente realizzato l'impianto su entrambi i lati del viale e quando le mie belle piantine si saranno adatte potrò rimuoverlo senza grosse difficoltà.

In uno dei prossimi post vi parlerò del rivestimento in pietra che sto facendo sulle pareti esterne della nuova zona dello store, se volete realizzarlo da sole anche voi, non perdetelo!
















21 marzo 2016

Pasqua: la mia tavola.

Come promesso, nel post dedicato alla consulenza d'arredamento, ecco la mia tavola decorata per la Pasqua. Quest'anno non ho voluto utilizzare le classiche uova, ma ho preferito piuttosto allestire una tavola primaverile. In fondo, mai come quest'anno, il periodo di Pasqua coincide proprio con l'arrivo della primavera! E così fiori e profumi che sbocciano, aria frizzante, tanta tantissima voglia di fare e sole finalmente.



Per decorare la mia tavola ho utilizzato rami di Eucalipto ( adoro questa pianta, proprio ieri ho effettuato un ordine su Amazon e ne ho presa una per il mio giardino ),  gypsophila ( la classica nebbiolina ) e dei crisantemi bianchi. Crisantemi sì, a me piacciono e li uso spesso.



E' una tavola semplice ed allo stesso tempo elegante. Anche grazie alle candele bianche che aiutano sempre in questi casi: donano una buona dose di romanticismo e creano la giusta atmosfera. Le decorazioni sospese ormai sono un must in casa mia. Come per il periodo natalizio ( vedi QUI e QUI ) anche per la Pasqua non potevano certo mancare.


Vi auguro un delizioso inizio di settimana, la primavera è alle porte e non possiamo più lamentarci adesso! E' tempo di gite fuori porta, di pranzi all'aperto e di finire i lavori all'esterno. Ogni riferimento ovviamente non è casuale, anzi quest'ultimo in particolare è riferito proprio a me, dunque scappo! ;)

ph VIVRE SHABBY CHIC - Tutti i diritti riservati

A presto!






16 marzo 2016

Cornici e frasi: nuovi complementi arredo nello Shop

Provando a realizzare nuovi complementi d'arredo ho pensato di creare cornici decorate con la tecnica shabby, ma non solo. All'interno frasi. Parole, pensieri, idee, incoraggiamenti, memorandum, eh sì. Nel mio ufficio ne ho un bel po', perché allora non condividerle anche con voi?



Sono disponibili da oggi nel mio SHOP online. Le cornici possono essere personalizzate con le vostre frasi del cuore.

ph VIVRE SHABBY CHIC - Tutti i diritti sono riservati
Io le adoro e conto di realizzarne diverse, le troverete anche nel mio Concept Store. L'inaugurazione è sempre più vicina e, sapete, sto organizzando tantissime sorprese per Voi! ;) Dunque Stay Tuned!

 Visita lo SHOP su DEPOP: clicca QUI



Segui VIVRE SHABBY CHIC anche sui Social per non perdere tutte le NOVITA'.

Facebook: clicca QUI
Instagram: clicca QUI







14 marzo 2016

Consulenza d'arredamento: progettazione di uno studio.

Buongiorno,
eccomi tornata dopo un'altra "breve" pausa. Quest'ultimo è un periodo molto intenso per me, sono divisa tra i lavori al Concept Store ed i vari lavori su commissione. Ed a proposito di lavori oggi vorrei mostrarvene uno in particolare: l'arredamento di uno studio.

Dopo aver fatto un sopralluogo ed aver preso tutte le misure del caso, mi sono messa all'opera.
E' stato divertente scegliere il colore delle pareti, i mobili giusti, i complementi adatti ad uno studio. Giocare con i materiali, mischiarli ed aggiungere qua e là anche oggetti puramente decorativi. Quando offro la mia consulenza per l'arredamento di un ambiente ( che sia una casa privata o, come in questo caso, un luogo di lavoro ) cerco sempre di trovare il giusto equilibrio fra l'arredo utile e quello puramente estetico.


Per la mia proposta di arredo dello studio,  mi sono orientata verso un ambiente Industrial Style. Come vi dicevo, sono partita dalle pitture per le pareti, ho selezionato alcune tipologie di parquet, sono passata poi alla scelta del piano di lavoro, elemento caratterizzante in uno studio. Ovviamente il legno faceva al caso mio. Ho giocato accostando materiali come ferro ed alluminio dei complementi al legno trattato dei mobili. Scatole e box per riporre documenti, piante per rendere vivibile un luogo di lavoro, un bel tappeto, targhe con scritte alle pareti per alleggerire il tutto. Il cliente ne è rimasto assolutamente soddisfatto. Ed anche io.



Design by VIVRE SHABBY CHIC - Tutti i diritti sono riservati
Questo è solo il primo step della consulenza d'arredamento. Seguono poi tutti gli altri passaggi che portano all'effettiva fase dell'arredo e decorazione dell'ambiente. 


Oggi è già 14 marzo, accidenti come vola il tempo! Fra poco è Pasqua e non ho ancora pubblicato la mia proposta per una bella tavola. Mi rifarò, magari proprio con il prossimo post! Non perdetelo! ;)


Buon inizio di settimana!









18 febbraio 2016

Decolution: carta da parati personalizzabile.

Buongiorno Amiche,
dopo un mese di "vacanza" dal blog ( ma solo dal blog eh? ) torno finalmente a pubblicare. Chi mi segue su Facebook sa che non sono stata un attimo a riposo: tra i lavori su commissione, i lavori al Concept Store e gli impegni di tutti i giorni è impossibile riposare. E poi, come si dice? Chi si ferma è perduto! I lavori allo Store procedono bene anzi ultimamente sono stati anche molto divertenti. Ho imparato ad attaccare e stuccare la pietra - pietra viva eh? Non la scorza! Sarebbe stato troppo facile! - ed una parete della neonata zona dello Store è in pratica terminata; abbiamo iniziato la seconda lunghissima parete e stiamo a buon punto. E' un lavoro stancante, affatto semplice perché si deve scegliere ogni singola pietra con attenzione ( come fosse un puzzle! ) e quindi non è neppure un lavoro velocissimo. Ma non voglio avere fretta, alcuni sogni per concretizzarsi non hanno bisogno di fretta. Calma e pazienza, ecco di cosa c'è bisogno adesso. La scelta delle piastrelle per il contorno delle finestre è stato un momento di "calma e pazienza" letteralmente. Non è stato facile trovare un materiale adatto alla pietra che stiamo utilizzando però, alla fine, ce l'abbiamo fatta. E travertino fu. Sta venendo su bene, anche meglio di quello che avevo immaginato e non vedo l'ora di mostrarvi tutto. Continuate a seguirmi anche sulla pagina Facebook dove pubblico foto e vi tengo aggiornate quotidianamente.

Ora torniamo a noi. Dal titolo del post avrete capito sicuramente di cosa parlerò oggi. Sono stata contattata da un negozio online che permette di personalizzare la carta da parati: Decolution. L'ho trovata davvero un'idea carina ed originale e così ho deciso di presentare lo shop anche a voi. Decolution offre la possibilità di realizzare da soli la propria carta da parati personalizzandola grazie all'innovativo configuratore Graphicmaker.



Possiamo, quindi, creare una carta da parati su misura per la nostra casa scegliendo fra le varie proposte dei designer di Decolution ed adattando la dimensione, la grafica e il colore delle immagini in base alle nostre esigenze, ottenendo così un prodotto unico. Possiamo acquistarla online e ci verrà inviata comodamente a casa nostra. Inoltre, per qualsiasi dubbio, si può contattare il call center, che offre una costante assistenza e può guidarci passo passo nella scelta e nella realizzazione del progetto. E' davvero un'idea geniale!

ph DECOLUTION - Tutti i diritti riservati
Se avete voglia di creare qualcosa di unico ed assolutamente originale per la vostra casa, questo shop online è quel che fa per voi. Vi lascio in basso un video tutorial realizzato da Casa Facile per Decolution e tutti i riferimenti per visitare il loro sito. Buon divertimento e buono shopping!

Decolution

Per Info:

















19 gennaio 2016

Decorare una parete con le cornici.

Ciao Ragazze,
oggi torno a pubblicare un nuovo post per mostrarvi l'ultimo lavoro fatto in casa. Un lavoretto piccolo piccolo, eh!? Non vi spaventante. Però da troppo tempo non sopportavo più la parete accanto al camino della living room, troppo bianca e troppo spoglia. E così, ho pensato: cornici. E' una soluzione facile, veloce, non troppo originale, ma ci sta! L'idea m'è piaciuta subito e l'ho ovviamente personalizzata a modo mio. Vi faccio vedere...



Così ho recuperato nel labo alcune cornici che avevo in precedenza trattato ( alcune semplicemente con mordente color noce, altre invece già pitturate in vari colori ) e le ho fissate alla parete. Per dare un minimo di movimento, ho deciso di fissarle in diverse posizioni: verticali, orizzontali ed anche un po' storte! ;) Poi mi sono limitata ad inserire oggetti decoro: chiavi, cucchiaini, forchettine e fiori essiccati. Come ho fissato gli oggetti all'interno delle cornici? Con del semplice nastro carta rigorosamente tagliato con le mani!



L'effetto è davvero gradevole, in un ambiente dove tutto è posizionato con cura, un po' di disordine è quel che ci vuole! ...Che ve ne pare? A me piace molto. So già che il prossimo step sarà eliminare il lampadario. Eh sì, lo so. Ha avuto pochi giorni di vita nella mia living, ma che posso fare? C'è un tempo per ogni cosa. Ed il suo è scaduto! ;)



ph VIVRE SHABBY CHIC - Tutti i diritti riservati




Buona settimana!